Sistemi di gestione dell'energia: transizione alla nuova norma di accreditamento ISO 50003:2021

-A +A

Il 4 maggio 2021 è stata pubblicata la norma ISO 50003:2021 Sistemi di gestione dell'energia - Requisiti per gli organismi che forniscono audit e certificazione di sistemi di gestione dell'energia, che sostituisce la precedente edizione del 2014.

La norma di riferimento per la certificazione dei sistemi di gestione dell'energia è la UNI CEI EN ISO 50001:2018 Sistemi di gestione dell'energia - Requisiti e linee guida per l'uso. Clicca qui per saperne di più.

Gli organismi di certificazione che, come ANCIS, sono accreditati per la certificazione ISO 50001, dovranno adeguarsi entro il 30 novembre 2023 alle novità introdotte dalla edizione della norma ISO 50003:2021, che comprende i requisiti aggiuntivi e specifici per la gestione delle valutazioni e delle certificazioni dei sistemi di gestione dell'energia.

Le principali novità che interessano le organizzazioni riguardano:

  • Struttura documentale: allineamento dei contenuti con quanto previsto dalla norma ISO/IEC 17021-1:2015 (norma di accreditamento per la certificazione di Sistemi di gestione).
  • Termini e definizioni: allineamento con terminologia e definizioni proprie della HSL (High Level Structure):
    • l'espressione "informazioni documentate mantenute" è stata utilizzata per identificare procedure, istruzioni di lavoro o altre forme di documenti che forniscono informazioni su chi, cosa, quando, come o perché; 
    • l'espressione "informazioni documentate conservate" o "registrazione di evidenze di audit" è stata utilizzata per identificare registrazioni che dimostrano o forniscono evidenza dell'implementazione di un requisito.
  • Calcolo dei tempi di audit (Annex A), ai fini della loro determinazione: 
    • l'organizzazione cliente deve comunicare ad ANCIS i tipi di energia che comprendono, nel loro complesso, almeno l'80% del consumo energetico totale; 
    • sono stati modificati i valori ponderati per la definizione della complessità SGE;
    • sono state meglio chiarite le informazioni sulla definizione del personale effettivo del SGE (vedasi modulo allegato);
    • sono state modificate le tabelle di riferimento per il calcolo dei tempi di audit (rilasci, sorveglianze, riesami triennali).
  • Certificazione di organizzazioni multi-sito: sono stati aggiornati e dettagliati i requisiti di campionamento (Annex B).
  • Miglioramento delle prestazioni energetiche:
    • Viene richiamata la definizione contenuta al punto 3.4.6 della ISO 50001:2018: “miglioramento, conseguito con risultati misurabili, dell'efficienza energetica, o del consumo di energia, in relazione all'uso dell'energia, rispetto ai parametri energetici di riferimento (energy baseline – EnB)”; 
    • Negli audit di sorveglianza, l'organizzazione deve dimostrare "l'attuazione di azioni per il miglioramento delle prestazioni energetiche", mentre in fase di rilascio e riesame triennale deve dimostrare "il raggiungimento del miglioramento delle prestazioni energetiche".

Per ulteriori approfondimenti, è disponibile il documento IAF (IAF MD 24:2021) con il dettaglio delle modifiche e le fasi del processo di transizione degli accreditamenti in capo agli organismi di certificazione.

ANCIS ha già in corso il processo di transizione del proprio accreditamento per la certificazione ISO 50001 e a decorrere dal 1° aprile 2022 gestirà tutte le nuove richieste di valutazione economica secondo i nuovi requisiti della norma ISO 50003:2021. Clicca qui per compilare la richiesta di preventivo ISO 50001, oppure inviaci un messaggio: ti contatteremo in breve tempo per approfondire le tue necessità.
 

Il Team ANCIS