Politica per la qualità

-A +A

Politica per la Qualità

Le imprese perseguono l'obiettivo di dotarsi di sistemi di gestione aziendale in riferimento a norme volontarie (qualità, sicurezza e salute, ambiente, energia, sicurezza del traffico stradale, ecc...) e/o anche di conformarsi a norme di prodotto/servizio, che consentano loro di produrre sempre più ad elevato livello, fra l’altro in condizioni di sicurezza e di rispetto ambientale, e nell'orientamento di soddisfare sempre meglio i bisogni e le aspettative dei clienti e delle parti interessate.

In armonia con quanto sopra è delineata la Politica di ANCIS, organismo per la valutazione indipendente, competente e imparziale e la certificazione di sistemi di gestione aziendale e di prodotto/servizi nell’ambito dei settori prevalentemente del comparto dei servizi.

ANCIS attua un sistema di certificazione inteso a garantire, nel rispetto delle norme e nel libero mercato, sotto il controllo dell'organismo di accreditamento (ACCREDIA), la partecipazione delle parti interessate alla certificazione, senza predominio di singoli interessi, e la libertà di accesso alla certificazione a tutte le imprese, senza indebite condizioni o discriminazioni.

ANCIS, nell’attuazione dei propri obiettivi, ritiene di avere come punti di forza:

 

  • collaudata specializzazione sugli scenari (articolati e complessi in particolare del comparto dei servizi) delle tematiche merceologiche coperte;
  • concreto orientamento, per scelta consapevole, anche verso obiettivi culturali, nei temi di proprio riferimento;
  • valutatori di sistemi di gestione certificati da organismi accreditati di certificazione del personale, scelta operata fin dall'inizio e confermata nel tempo;
  • elevata specializzazione nel comparto dei servizi, confermata anche dalle informazioni di ritorno da parte dei propri clienti. Con l'obiettivo di rispondere alle esigenze dei clienti e del mercato, ANCIS ha iniziato a rilasciare certificazioni in settori dove la componente di prodotto/tecnologica riveste un'importanza strategica nel processo produttivo (ad esempio metallurgia e fabbricazione di macchine e apparecchiature).

ANCIS è impegnata a mantenere nei modi più opportuni e comunque in osservanza delle vigenti disposizioni di legge la riservatezza sulle informazioni ottenute o derivanti dallo svolgimento delle attività di certificazione, a tutti i livelli della propria struttura, inclusi eventuali comitati/organismi/persone esterne. Le procedure riguardano altresì la conservazione e la eventuale diffusione delle medesime informazioni.

ANCIS è impegnata a garantire la separatezza delle funzioni di certificazione dalle attività di formazione, affidate ad ANCIS Associazione, con esclusione di commistioni consulenziali nella certificazione. Nell'attività di consulenza in campo D. Lgs. 231/2001, affidata ad ANCIS Associazione, quest'ultima non partecipa all'implementazione del Modello organizzativo per la parte ambientale e in tema di sicurezza e salute.

L'importanza della imparzialità di ANCIS (gestione di potenziali conflitti di interesse e garanzia di obiettività reale e percepita delle attività di certificazione) è attestata dalla adozione di specifica analisi del rischio.

ANCIS attua controlli sui propri clienti sull'uso della certificazione e dei marchi di certificazione e garantisce la messa a disposizione del mercato delle informazioni aggiornate relative ai Certificati rilasciati mediante pubblicazione nel proprio sito del “Registro dei clienti certificati”.

ANCIS ha in atto un documentato Sistema di gestione che si prefigge di garantire servizi di certificazione di elevata qualità i quali mettano in pratica i principî stabiliti in questa dichiarazione. A tale fine provvede anche a monitorare la soddisfazione dei propri clienti.

ANCIS provvede a che i contenuti espressi nel proprio Sistema di gestione siano attuati dai propri collaboratori, interni ed esterni.

Adeguatezza ed efficacia del Sistema sono sottoposte a riesame periodico, di norma almeno una volta all’anno, considerando sia gli obiettivi generali sopra esposti sia gli obiettivi specifici e quantificabili definiti annualmente. In particolare, gli obiettivi specifici possono essere riferiti alle attività principali (commerciale, tecnica, operativa) così come possono tendere al miglioramento complessivo del servizio reso alle imprese (anche alla luce delle esigenze delle medesime, raccolte e indagate con modalità opportune).

Gli obiettivi, nell’ambito del programma di miglioramento della qualità, sono identificati tramite una serie di indicatori soggetti a riesame e, ove necessario, ad aggiornamento.
Il Comitato per la Salvaguardia della Imparzialità è espressione delle parti interessate di cui alla norma ISO/IEC 17021 e "Meccanismo di salvaguardia dell’imparzialità" della ISO/IEC 17065. Esso supervisiona le attività erogate e fornisce informazioni in merito a questioni che influenzano imparzialità, trasparenza e percezione pubblica. Il Direttore ha la responsabilità e l’autorità per sorvegliare l'attuazione del Sistema di gestione.

I collaboratori di ANCIS e i componenti dei suoi organi sono impegnati ad attenersi, per quanto di loro rispettiva competenza, a quanto disposto nel Sistema di gestione e nella presente Politica.

Milano, 6 maggio 2019